Sede Legale:
Via Pietro Micca n.24
28100 - Novara (NO)

info@msai.it

+39 0321 1992118

Un fiuto eccezionale

Un fiuto eccezionale

Capace di filtrare 15.000 litri di aria al giorno, di umidificarla e sterilizzarla. Non è un condizionatore ma il nostro naso. L’Accademia Italiana di rinologia mette in guardia sulle stagioni più pericolose e consiglia una buona manutenzione. Scopri come prendertene cura in 10 mosse!

L’otorinolaringoiatria è una specialità medica che si occupa delle patologie legate a orecchie, naso e gola. In ambito medico è spesso abbreviata con la sigla ORL. Pertanto l’otorinolaringoiatra cura patologie infettive come le otiti, che definiscono l’infiammazione a carico dell’orecchio, e le tonsilliti, se l’infiammazione interessa le tonsille; queste sono ricorrenti specialmente nei bambini. Negli adulti si riscontrano prevalentemente sinusiti: in questo caso sono le mucose dei seni paranasali a essere infiammati. Nei soggetti anziani sono frequenti le patologie uditive: l’esame audiometrico permette di conoscere la capacità uditiva del paziente e di intervenire con una protesi acustica, come nei casi di ipoacusia, data da lesioni dell’orecchio medio e interno. I giovani, a causa di esposizioni prolungate a rumori intensi, possono sentire fischi o ronzii in uno o entrambi gli orecchi, che la medicina riconosce come acufeni. Infine le patologie tumorali ORL possono essere, come in altri apparati, benigni come polipi, o maligni a livello della laringe, faringe o lingua. L’epistassi è un termine per indicare l’emorragia nasale, è scatenata dalla rottura dei vasi nella porzione anteriore del setto nasale, spesso è sufficiente un violento colpo di tosse, uno starnuto o più in genere fenomeni di congestione nasale. A volte si può verificare anche in seguito a cambiamenti di pressione atmosferica. Le emorragie del condotto uditivo (otorragie) possono essere provocate da un trauma (frattura del cranio o introduzione di un corpo estraneo), da un’otite mal curata o da una patologia tumorale. Se si soffre di vertigini la causa risiede nell’orecchio, più precisamente nell’apparato vestibolare che custodisce il senso dell’equilibrio.

L’otorinolaringoiatra esegue personalmente numerosi esami. Tra gli esami effettuati in studio ricordiamo:

  • l’otoscopia o esame del condotto uditivo
  • la faringoscopia per visualizzare l’orofaringe
  • la rinoscopia cioè l’ispezione delle fosse nasali

Sono tutti esami semplici e veloci, eseguiti quasi sempre durante la visita otorinolaringoiatrica. Gli strumenti utilizzati sono spesso dei semplici speculum lavabili e sterilizzabili o monouso:

  • la fibroscopia ORL: consente di visualizzare la faringe e la laringe mediante un corto fibroscopio
  • l’audiometria (esame audiometrico) e l’impedenzometria: sono esami eseguiti in un locale apposito dal medico o da un suo assistente e richiedono attrezzature. Il paziente deve stare seduto e indossare delle cuffie
  • i potenziali evocati uditivi: è un esame simile all’audiometria ma interamente automatizzato, che richiede materiale informatico specifico e personale qualificato
  • la nistagmografia: è un esame completo della funzionalità vestibolare, eseguito in un locale apposito da personale qualificato.

La proteina ascoltatrice

TMC1 è una proteina sensore che traduce all’interno della testa tutti i suoni che sentiamo, trasmettendoli al cervello. La si trova espressa nei mammiferi, pesci, uccelli, anfibi e rettili. I ricercatori di Harvard si promettono di sfruttarla per sviluppare nuove terapie per risolvere casi di sordità legati alle mutazioni o delezioni del gene codificante la proteina.

 

Attenzione-ai-cotton_0918Attenzione ai cotton fioc

Nel Regno Unito, un uomo che stava progressivamente perdendo l’udito si sottopone a una visita. Il medico estrae dall’orecchio un pezzo di cotton fioc rimasto incastrato nell’orecchio per dieci anni. Il dottor Raithatha rivela che ogni anno sono tantissimi i casi simili.

 

Naso-da-tartufo_0918Naso da tartufo

I nostri amici a quattro zampe sono vittime, proprio come noi, delle allergie ai pollini o agli acari della polvere e non solo. Spesso si possono intuire i loro problemi di salute da come si toccano il naso, che ricordiamo essere l’organo di senso più importante e sviluppato attraverso il quale percepiscono il mondo che li circonda.

Share

Recommended Posts