Sede Legale:
Via Pietro Micca n.24
28100 - Novara (NO)

info@msai.it

+39 0321 1992118

Goal vincente

Goal vincente

Il calciatore tedesco Lukas Podoloski è stato ricoverato per un’infezione virale all’orecchio. L’attaccante, che attualmente è impegnato con una squadra giapponese, è stato operato d’urgenza, ma rassicura tutti i fan sul suo stato di salute.

L’otorinolaringoiatria (ORL) è la specialità medico-chirurgica che si occupa della diagnosi e della terapia delle patologie dell’orecchio, del naso e della gola. L’orecchio è l’organo deputato alla funzione uditiva, è in grado di rilevare onde sonore dai 20 Hertz ai 20 kHz. La funzione uditiva viene assolta da componenti presenti nell’orecchio esterno, medio e interno; la funzione vestibolare è appannaggio dell’orecchio interno.

Orecchio esterno: attraverso di esso i suoni entrano e vanno ad infrangersi sulla superficie laterale della membrana timpanica, è composto da padiglione auricolare e meato acustico esterno.

Orecchio medio: composto dalla superficie mediale della membrana timpanica, dalla cavità timpanica (epitimpano, mesotimpano e ipotimpano), dalle cellule mastoidee e dalla tuba uditiva che pone in comunicazione il cavo del timpano con gli spazi aerei del rinofaringe.

Orecchio interno: insieme di recettori ad origine embrionale comune, che si differenziano parte nell’apparato acustico e parte nell’apparato vestibolare.

Il termine gola viene utilizzato, nel linguaggio comune, per indicare le strutture anatomiche presenti nella parte anteriore del collo. Questi organi fanno parte dell’apparato respiratorio e gastrointestinale, e sono formati da faringe, laringe e porzioni cervicali dell’esofago e della trachea. L’epiglottide è un lembo che separa l’esofago dalla trachea impedendo che il bolo, e in generale ciò che è deglutito, sia convogliato nei polmoni. La gola contiene vari vasi sanguigni, i muscoli faringei, le tonsille, l’ugola palatina e le corde vocali.

Le patologie trattate dall’otorinolaringoiatra sono di vario tipo. Tra di esse si distinguono: le patologie infettive, le patologie uditive, le patologie tumorali, le emorragie, le vertigini. Tra le principali malattie infettive curate dall’otorinolaringoiatra ricordiamo: le otiti, le tonsilliti più comuni nei bambini mentre negli adulti  e sinusiti, i flemmoni.

Le patologie uditive sono particolarmente frequenti nei soggetti anziani e vengono diagnosticate mediante l’esame audiometrico. L’uso di una protesi acustica consente generalmente di risolvere i problemi di ipoacusia. Anche nei soggetti giovani si possono verificare fenomeni di ipoacusia, a causa dell’esposizione al rumore negli ambienti di lavoro. Sempre tra i giovani sono frequenti gli acufeni (fischi e ronzii percepiti in uno o entrambi gli orecchi), che spesso sono una conseguenza di una prolungata esposizione a rumori intensi. La perdita dell’acuità uditiva è un’altra conseguenza dell’esposizione a rumori troppo forti.

Le patologie tumorali ORL possono essere di natura maligna (diverse forme di cancro che colpiscono la faringe, la laringe o la lingua, per esempio) o benigna (i polipi rino-sinusali o i polipi della faringe).

Le emorragie nasali (epistassi o rinorragie) in genere sono provocate dalla rottura dei vasi della porzione anteriore del setto nasale. Le cause locali che determinano emorragie nasali possono essere: un violento colpo di tosse, uno starnuto, traumi, varici, polipi, riniti acute, fenomeni vasomotori nasali e più in genere fenomeni di congestione nasale. Un’emorragia nasale può anche verificarsi in seguito a cambiamenti di pressione atmosferica (escursioni in montagna o immersioni in mare). L’emorragia nasale può però anche essere il sintomo di un’affezione generale (ipertensione arteriosa, per esempio). Nei bambini l’emorragia nasale non è mai un sintomo grave, negli adulti e nelle persone anziane può essere il segnale di qualche alterazione a carico dell’organismo. Le emorragie del condotto uditivo (otorragie) possono essere provocate da un trauma (frattura del cranio o introduzione di un corpo estraneo), da un’otite mal curata o da una patologia tumorale.

Le vertigini sono patologie dell’orecchio interno che colpiscono l’apparato vestibolare alterando il senso dell’equilibrio. Le cause di questi disturbi possono essere legate a un trauma, un’otite, una nevrite (infiammazione del nervo vestibolare) o alla compressione di un nervo. Per identificare la causa è necessario sottoporsi ad alcuni esami. Approfondimenti

 

La ragazza con l’orecchino nel timpano

Una ragazza aveva un piccolo diamante incastonato in un orecchino, era il regalo della suocera ma un giorno non lo trova più. Rassegnata dalla perdita, certa di averlo perduto comincia a sentire un fastidio all’orecchio che via via si trasforma in un dolore. La giovane si dirige dall’otorino che le dà due notizie… Leggi di più

 

AIFA e i fluorochinoloni

L’agenzia internazionale del farmaco per contrastare il problema, ormai mondiale, della farmaco-resistenza agli antibiotici ha posto un freno a tutta la categoria dei fluorochinoloni. Inoltre si chiede ai medici di prescriverli con cautela in quanto sono in grado di indurre reazioni a carico del sistema muscolo-scheletrico e del sistema nervoso. Approfondimenti

 

Giro giro tondo

Nell’orecchio interno sono presenti dei piccoli “sassolini”, detti otoliti, che inviano informazioni al cervello circa la posizione della testa nello spazio. Ma quando cambiamo posizione o giriamo su noi stessi, questi si spostano e stimolano erroneamente altri recettori e percepiamo la vertigine. Approfondimenti

Share

Recommended Posts